BRICOMAGAZINE APRILE 2022

8 | BRICOMAGAZINE Massimo Casolaro, direttore editoriale e responsabile. a sempre la primavera è la stagione delle nuove aperture nel nostro canale, e quella del 2022 non fa eccezione, nonostante i molti fattori che congiurano contro. Su questo numero di Bricomagazine presentiamo 5 punti vendita nuovi o rinnovati: Tecnomat Assemini, trasferimento in nuova struttura e rebranding, a pag. 32; CasaTua Arredo Rozzano, punto vendita rinnovato a pag. 40; Brico io Arona, nuovo negozio, a pag. 64; Bricofer Moncalieri, rinnovo e rebranding, a pag. 74; BricoMarket Trapani, nuovo negozio, a pag. 94. E sono già stati aperti o ristrutturati altri nuovi centri che non siamo riusciti a inserire in questo numero di Bricomagazine e che proporremo più avanti, firmati da Bricocenter, BricolaRge, Brico Ok, Ecobrico-Fdt, ancora Brico io. Insomma, sembra che in qualche modo gli scaffali si riescano a riempire 'nonostante tutto' e che i nostri retailer puntino sul fatto che ancora una volta, come accaduto in pandemia, il canale del bricolage sappia distinguersi nelle difficoltà che coinvolgono il commercio in generale. Non nascondiamo che nei nostri colloqui con gli operatori del mercato raccogliamo una preoccupazione palpabile, ma l'operatività al momento non è compromessa: le forniture arrivano - con tempi molto lunghi, ma arrivano - i rincari dei listini sono importanti ma non traumatici, gli aumenti dei costi di gestione sono complessivamente governabili. Tutto regge finché reggono i consumi, che si stanno già raffreddando, ma in misura non drammatica. Proprio in questi giorni sta decollando la bella stagione, arrivata con un certo ritardo: è il momento della verità per il settore del brico-garden, tra un mese o due ne sapremo di più sugli umori dei consumatori, sul loro livello di accettazione dei rincari, sui condizionamenti psicologici legati alla guerra in corso e alle incertezze che ne conseguono. Peccato, perché il 2021 era stato un anno per molti versi eccezionale, con fatturati di tutte le merceologie in forte crescita: GfK, con il suo panel Diy Superstores (a pag. 27), ci fornisce il dettaglio e quantifica l'ottima performance del nostro canale di vendita, con un progresso del 9,1% rispetto al 2020, anno che, nonostante la pandemia, non era andato male (-0,3%) e quindi nettamente in positivo anche rispetto al 2019. Rimanere sugli stessi livelli nel 2022 non sarà facile, ma gli ultimi anni ci hanno insegnato che qualsiasi previsione può essere capovolta in pochi giorni, nel bene e nel male. Nel fascicolo affrontiamo un altro tema di forte attualità: le strategie che le insegne stanno mettendo in atto per fronteggiare le criticità legate a ritardi e costi nell'import dal Far East, in particolare sullo stagionale outdoor (a pag. 36). Con l'inevitabile rincaro dei prodotti cinesi, i distributori hanno scelto di affiancare alle gamme d'importazione prodotti di livello medio-alto, magari di marca e di produzione europea, in modo da aumentare lo scontrino medio sulla categoria in vista di un possibile calo dei volumi. Una strategia, quella dell'innalzamento della gamma, che abbiamo già visto in altri comparti merceologici del bricolage e che crediamo sia vincente in un canale come il nostro che deve uscire dalla logica della guerra sul primo prezzo e puntare piuttosto sul concetto di migliore rapporto qualità/prezzo. D ANNO 19 - N°3 APRILE 2022

RkJQdWJsaXNoZXIy Mzg5ODQy