BRICOMAGAZINE GIUGNO-LUGLIO 2022

lazioniamo con 300 vendor, ed abbiamo a disposizione sul nostro sito aziendale altri 350.000 prodotti, che il cliente può ordinare tramite la piattaforma online di Leroy Merlin Italia, ma che di fatto appartengono ad altri negozi. Si tratta di un’opportunità di business che giova sia a noi, che appunto possiamo proporre un catalogo prodotti più ampio, sia ai nostri vendor, cui forniamo un canale in più per fare commercio. Il nostro obiettivo è di arrivare a 1 milione di referenze gestite in marketplace nei prossimi 2 anni. Il vostro focus sulla crescita omnicanale incide anche sull’evoluzione dei format di negozio? I nostri punti vendita già da tempo sono improntati ad una integrazione fra i due mondi. In particolare stiamo lavorando costantemente al miglioramento dell’esperienza cliente, permettendogli di passare in maniera sempre più fluida dal fisico al digitale e viceversa: tutte le tipologie di punto vendita che andremo a sviluppare si connoteranno per questa maggior spinta verso il phygital. Cioè state lavorando a nuovi store concept? La premessa è che noi non copriamo bene tutto il territorio nazionale e che non è facile aprire punti vendita delle nostre dimensioni lungo l’intera penisola. Anche per questo stiamo studiando dei nuovi progetti, andando ad affiancare ai nostri classici big boxes, anche dei modelli più piccoli dedicati ad alcune parti della nostra offerta. Lo abbiamo già fatto - e continueremo a farlo - con gli showroom centrati sulle categorie a progetto; stiamo inoltre valutando di sviluppare, in futuro, anche dei negozi indirizzati al mondo del giardino. Del resto il garden rimane per noi il primo mercato, e il primo reparto con cui riusciamo a soddisfare maggiormente i nostri clienti privati, che vivono il giardino mediamente 9 mesi l’anno. n 30 | BRICOMAGAZINE Stiamo studiando dei nuovi progetti, andando ad affiancare ai nostri classici big box, anche dei modelli più piccoli dedicati ad alcune parti della nostra offerta. Lo abbiamo già fatto - e continueremo a farlo - con gli showroom centrati sulle categorie a progetto; stiamo inoltre valutando di sviluppare, in futuro, anche dei negozi indirizzati al mondo del giardino. INTERVISTA Nonostante le problematiche che il mondo della produzione e della distribuzione deve fronteggiare in questi mesi, dall’aumento dei costi delle materie prime al caro noli, sino alla crescita dell’inflazione, Leroy Merlin sta riuscendo a rispondere piuttosto bene a tutte queste sfide: “Noi – ammette Cancemi - abbiamo la fortuna di essere parte di Gruppo Adeo, con cui acquistiamo gran parte dei nostri articoli. Ciò ci aiuta a garantire una buona disponibilità di merce per i nostri clienti. Inoltre il lavoro più di collaborazione, che di ‘mera’ fornitura, che abbiamo instaurato con i nostri fornitori partner in questi anni, ci sta aiutando a limitare gli impatti nei prezzi ai clienti”. Prodotti sempre disponibili e a prezzi equi

RkJQdWJsaXNoZXIy Mzg5ODQy