BRICOMAGAZINE GIUGNO-LUGLIO 2022

BRICOMAGAZINE | 35 Bricoday Demo Store è pensato per conciliare le esigenze di aziende e distributori: mostrando alcuni prodotti per come saranno espositi in negozio, buyer e retailer hanno l’occasione di immedesimarsi nel cliente, cogliere le potenzialità comunicative dei prodotti e la forza persuasiva delle adiacenze strategiche. Dora Binnella, curatrice del progetto Bricoday Demo Store. BRICODAY DEMO STORE, COME? Quali sono gli obiettivi di Bricoday Demo Store? Dora. Conoscendo le esigenze dei diversi attori del comparto brico e osservando le dinamiche del momento fiera, ci siamo resi conto che lo spazio cardine per cui tutti lavorano, il negozio, è sempre stato poco considerato. Abbiamo quindi voluto concentrare la nostra attenzione sul luogo dove i prodotti sono messi in scena, i clienti vivono la loro esperienza di esplorazione e si concretizza l’atto commerciale. L’area di Bricoday Demo Store è pensata per conciliare le esigenze di aziende di marca e distributori: mostrando alcuni prodotti per come saranno esposti in negozio, buyer e negozianti hanno l’occasione di immedesimarsi nel cliente, cogliere le potenzialità comunicative dei prodotti e la forza persuasiva delle adiacenze strategiche. Come è stata scelta la tipologia di negozio da realizzare? Dora. Quando si è creata l’opportunità di poter realizzare una simulazione di punto vendita, la dimensione dello spazio a disposizione ci ha dato l’input per la progettazione di un concept ideale adatto all'iper prossimità. Identificato il segmento clientela soft bricoleur , abbiamo immaginato un format brico urbano che comprende reparti rappresentativi e merceologie in linea con le esigenze dell’habitat cittadino e con caratteristiche di sostenibilità. Quali principi hanno ispirato la progettazione degli spazi? Dora. Esattamente come nello sviluppo di nuovi concept, anche questo store ideale raccoglie i principi di innovazione della customer journey: la nostra idea è che l’esperienza di acquisto nei negozi brico, per il segmento clientela selezionato, debba distinguersi dall’identità stereotipata che la caratterizza. Ancora oggi i reparti sono suddivisi principalmente in aree specialistiche e non sulla base di bisogni e soluzioni ricercate dai clienti. Sulla base di questa riflessione il concept propone il passaggio dalla sola vendita di mestieri alla vendita di gesti, basandosi su un approccio empatico nei confronti dei clienti capace di supportare l’acquisto di soluzioni alla portata di tutti. Con l’obiettivo di creare un ambiente attrattivo e coinvolgente, abbiamo modellato un layout merceologico e strutturale in grado di accompagnare il flusso dei visitatori in un percorso suggestivo di scoperta del fai da te, creando adiacenze che illustrano il potenziale della deriva di vendita. > La pianta del negozio, uno store brico di prossimità di 400 mq circa.

RkJQdWJsaXNoZXIy Mzg5ODQy